fbpx

Candidature dai segnalatori 2024

10 segnalatori selezioneranno due progetti a testa, inediti, di autori e autrici da tutto il mondo, per sottoporli alla votazione della giuria.

Segnalatori

Toni
Thorimbert

Reporter, ritrattista, affermato fotografo di moda e art director, fondatore della Scuola Thorimbert

Leggi di più

Chiudi

Reporter, ritrattista, affermato fotografo di moda e art director, Toni Thorimbert inizia a fotografare giovanissimo, documentando le tensioni sociali e politiche degli anni settanta. Negli anni ottanta, la sua stretta collaborazione ai più innovativi periodici dell’epoca quali Max, Sette e Amica è fondamentale per definire il nuovo standard visivo dell’epoca.
Gli anni novanta segnano la sua maturità autoriale grazie a collaborazioni editoriali internazionali per Details, Mademoiselle, Wallpaper, Brutus, e in Italia per Io Donna, Rolling Stone, Style e la realizzazione di prestigiose campagne pubblicitarie. Nel 2006 pubblica Carta Stampata, volume che racconta i suoi trent’anni di fotografie di moda e di ritratto per l’editoria, mentre Seduction of Photography ( 2017) e Proprio da dentro ti voglio e il tuo interno desidero mentre ti guardo ( 2019) sono i suoi più recenti libri d’artista prodotti in tiratura limitata. Ha insegnato linguaggio fotografico allo IED di Milano, alla Fondazione Studio Marangoni di Firenze, alla Fondazione Fotografia di Modena e al Master di fotografia della Raffles a Milano.
Nel 2021 ha fondato Scuola Thorimbert, una scelta di lezioni e workshop per percorsi di crescita altamente personalizzati.
Il suo percorso artistico è stato oggetto di numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero.
Nel 2020 è stato insignito del premio Arturo Ghergo alla carriera.

François
Hébel

Curatore e direttore artistico, amministratore di Retail e Connexions per la filiale delle Ferrovie francesi SNCF

Leggi di più

Chiudi

Al fianco dei fotografi da 42 anni, è stato produttore e curatore di oltre 1000 mostre, libri, iniziative didattiche, diapositive e spettacoli dal vivo nei cinque continenti. François ha realizzato collaborazioni molto precoci nelle carriere di artisti oggi importanti come Martin Parr, Nan Goldin, JR, Robert Doisneau, Wang Qingsong, Paul Graham, Raymond Depardon, Annie Leibovitz, Sebastiao Salgado, Harry Gruyaert, Alfredo Jaar, Zanele Muholi, Henri Cartier-Bresson…

Hébel ha realizzato diverse collaborazioni a lungo termine. È stato direttore della Fondation Henri Cartier-Bresson 2017/2022; iniziatore e direttore artistico del primo Mese della fotografia del Grand Parisaprile 2017; direttore artistico/co-fondatore della Biennale Foto/Industria di Bologna (Italia)2013, 2015 e 2017; direttore artistico del programma “French protocol” presso la galleria Fiaf di New York 2015/2018; ex direttore del festival fotografico Rencontres d’Arles (1986, 1987 e 2001/2014); co-fondatore o consulente dei festival fotografici di Pechino (2010/2013) e New-Delhi (2010, 2011); ex vicepresidente dell’agenzia fotografica Corbis (2000/2001); ex direttore di Magnum Photos Paris e International (1987/2000); ex direttore delle gallerie di negozi Fnac (1983/1985). Da gennaio 2024 François è amministratore di Retail e Connexions per la filiale delle Ferrovie francesi SNCF.

Veronica
Nicolardi

Curatrice, co-fondatrice di OTM Gallery, dal 2021 direttrice di Cortona On The Move

Leggi di più

Chiudi

Veronica Nicolardi lavora allʼideazione e alla realizzazione di eventi culturali, mostre e festival di fotografia, seguendone tutti i processi vitali della produzione. È focalizzata sul coinvolgimento del pubblico, dagli appassionati ai turisti e alle comunità locali, e sulla creazione di programmi culturali innovativi.
 Nel 2016 ha co-fondato OTM Company che lavora nel mondo della fotografia in tutti i suoi ambiti e declinazioni. Dal 2021 è direttrice di Cortona On The Move, festival internazionale di fotografia, punto di riferimento per gli esperti del settore e per un pubblico nazionale e internazionale attento alla cultura contemporanea, e nel 2022 ha dato vita, insieme alle associazioni culturali ONTHEMOVE e BESAFE, a Yeast Photo Festival assumendone la codirezione. 
Nel 2022 ha co-fondato OTM Gallery e ne è la curatrice.

Roger
Ballen

Fotografo e artista, fondatore e direttore esecutivo dell’Inside Out Centre for the Arts di Johannesburg

Leggi di più

Chiudi

Nato negli Stati Uniti e residente a Johannesburg, in Sudafrica, Roger Ballen è uno dei più importanti fotografi della sua generazione. Ha pubblicato oltre 25 libri e recentemente Thames and Hudson ha pubblicato il libro Ballenesque, Roger Ballen – A Retrospective, un’importante raccolta delle sue opere. Le sue fotografie sono raccolte da alcuni dei più importanti musei del mondo. La sua opera, che copre un arco di cinque decenni, è iniziata con la fotografia documentaria, ma si è evoluta nella creazione di distinti regni romanzati che integrano anche i mezzi del cinema, dell’installazione, del teatro, della scultura, della pittura e del disegno. Ballen descrive le sue opere come “psicodrammi esistenziali” che toccano il subconscio ed evocano il ventre della condizione umana. Esse mirano a far breccia nei pensieri e nei sentimenti repressi, coinvolgendolo nei temi del caos e dell’ordine, della follia o degli stati indisciplinati dell’essere, del rapporto dell’uomo con il mondo animale, della vita e della morte, degli archetipi universali della psiche e delle esperienze di alterità. Attraverso il suo linguaggio visivo unico e complesso e i suoi temi universali e profondi, l’artista ha dato un contributo duraturo al campo dell’arte. https://www.rogerballen.com/
Ballen è stato anche il creatore di numerosi cortometraggi, acclamati ed esposti, che si ricollegano alle sue serie fotografiche. Ballen è stato uno degli artisti che hanno rappresentato il Sudafrica alla Biennale Arte 2022 di Venezia. È anche il fondatore e direttore esecutivo dell’Inside Out Centre for the Arts di Johannesburg, aperto al pubblico nel marzo 2023. Il Centro si propone di promuovere la consapevolezza delle problematiche africane attraverso mostre e programmi educativi. La prima mostra, intitolata End of the Game, esplora la decimazione della fauna selvatica in Africa attraverso manufatti storici, fotografie e installazioni di Ballen.

Pierre André
Podbielski

Gallerista e fondatore della galleria Podbielski Contemporary con sede a Milano

Leggi di più

Chiudi

Il fondatore di Podbielski Contemporary si definisce “cittadino del mondo”. Di origine polacca e tedesca (il padre era prussiano cresciuto a Berlino, la madre polacca cresciuta a Vienna), nato a Ginevra e con passaporto australiano, parla correntemente francese, tedesco e italiano. Architetto diplomato (Ecole des Beaux Arts di Parigi), appassionato collezionista, è diventato mercante d’arte e socio attivo della Galleria Rubin dal 2001 al 2009 – la sua principale area di competenza era la pittura astratta, la fotografia e le commissioni site specific.  La partecipazione a numerose fiere (Art Cologne, Artefiera Bologna, Miart, Preview Berlin, Scope MIami) gli ha permesso di stabilire una qualificata rete di contatti tra artisti, gallerie, curatori e collezionisti. Per consolidare al meglio l’esperienza acquisita e affrontare nuove sfide, ha lanciato Podbielski Contemporary nell’estate 2011 a Berlino.

Paul
Ninson

Artista visivo ghanese, fotografo, regista, curatore ed educatore con sede ad Accra, in Ghana

Leggi di più

Chiudi

Paul Ninson è un artista visivo ghanese – fotografo, regista, curatore – ed educatore con sede ad Accra, in Ghana. Nel 2022 ha fondato il Dikan Center, un’istituzione no-profit dedicata a formare la prossima generazione di leader creativi per trasformare l’Africa attraverso il potere dell’educazione visiva. Paul ha frequentato l’International Center of Photography (ICP) di New York e ha ottenuto la Director’s Fellowship. In precedenza, si è laureato in Arti industriali presso la Kwame Nkrumah University of Science and Technology di Kumasi, in Ghana. Recentemente si è laureato al programma Cultural Leadership di Oxford nel Regno Unito. Nel 2023, la CNN ha nominato Paul su Africa Voice come Changemaker per il suo lavoro al Dikan, riconoscendogli un importante contributo al panorama culturale africano delle arti visive e dell’educazione. Il Centro è all’avanguardia nell’educazione visiva attraverso un curriculum multidisciplinare e mostre che presentano opere fotografiche di africani e della diaspora africana. La piattaforma educativa di Dikan offre un programma di certificati che insegnano abilità investigative e conoscenze tecniche con un’enfasi sull’autenticità e l’originalità. I workshop coinvolgenti offrono l’opportunità di sperimentare e apprendere da uomini e donne di spicco della fotografia del continente africano e non solo. In qualità di leader nel campo dell’educazione visiva che lavora per guidare, sviluppare e costruire la capacità della fotografia nel continente africano attraverso il suo lavoro al Dikan Center, Paul appare in pubblicazioni come The Guardian, Forbes Africa, DW, Bloomberg e VOA BBC. È intervenuto in varie sedi, tra cui l’Open Society’s Global Convening for the Restitution of African Heritage, il CUNY College, l’Heritage and Cultural Society of Africa (HACSA), il Babson College e altri. Ha lavorato con BBBDO, AstraZeneca, Vivo Energy, Next Door e altri. Ha inoltre lavorato con Brandon Stanton a Humans of New York, dove ha ricoperto il ruolo di produttore e photo editor. Recentemente Paul è stato nominato accademico presso l’Università della Pennsylvania. In linea con la sua dedizione al potere trasformativo dell’educazione visiva, Paul è coinvolto in diverse iniziative educative e progetti fotografici a livello globale. Il suo ampio portfolio di fotogiornalismo e documentari rappresenta la sua vasta pratica.

Menno
Liauw

Fondatore e direttore di FUTURES, direttore artistico di EXPOSED Torino Foto Festival

Leggi di più

Chiudi

Menno Liauw, fondatore e direttore di FUTURES, vanta oltre due decenni di esperienza come consulente strategico specializzato in fundraising, branding e gestione della reputazione. Menno è anche il direttore artistico di EXPOSED Torino Foto Festival, il nuovo Festival Internazionale di Fotografia che ogni anno porterà mostre temporanee, una fiera specializzata, attività didattiche, incontri, commissioni artistiche ed eventi off-site, a partire dal maggio 2024. La sua esperienza si estende alla collaborazione con organizzazioni prestigiose come Foam Amsterdam, lo Stedelijk Museum Amsterdam e la Royal Concertgebouw Orchestra. Inoltre, ha contribuito come membro del comitato consultivo per il programma di inclusione del Van Gogh Museum. Lo spirito imprenditoriale di Menno lo ha portato a co-fondare Unseen, una fiera della fotografia di fama internazionale, e a essere co-proprietario della rivista Foam. Il suo continuo impegno come docente ospite presso la HKU University of the Arts dimostra il suo impegno nel promuovere la crescita intellettuale e la creatività all’interno della comunità artistica.

Luisa
Bondoni

Storica dell’arte e storica e critica della fotografia, curatrice al Museo Nazionale della Fotografia di Brescia

Leggi di più

Chiudi

Storica dell’arte e storica e critica della fotografia, nel 2004 inizia la sua collaborazione con il Museo Nazionale della Fotografia di Brescia di cui oggi è Curatore, occupandosi dell’archiviazione, catalogazione e conservazione del patrimonio e dell’organizzazione di mostre ed eventi. 

Docente di Storia della Fotografia nel Master post universitario di primo livello Archivi fotografici presso l’Università degli Studi di Trieste, attualmente insegna Storia della Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Rimini. 

Realizza conferenze, corsi, seminari e workshop dedicati alla storia e alla cultura fotografica, profondamente convinta che per essere fotografi serva consapevolezza e curiosità su quella che è la storia fotografica passata e contemporanea. E’ lettrice portfolio in vari festival e manifestazioni. Ha tenuto conferenze in occasione di importanti eventi come il Milano Photofestival, il Festival della Fotografia Etica e Phototrace. E’ tutor per la creazione di progetti, dall’idea, allo sviluppo fino all’editing. E’ curatrice di mostre e scrive testi critici per cataloghi.

Laura
Sackett

Direttrice creativa, co-fondatrice di LensCulture, socia fondatrice del PhotoAlliance

Leggi di più

Chiudi

Laura Sackett è la direttrice creativa e co-fondatrice di LensCulture, uno dei principali siti impegnati a scoprire e pubblicare il meglio della fotografia contemporanea. Laura Sackett si occupa di tutti gli aspetti legati al design, dalla strategia al brand, dal sito web alla stampa, dalle comunicazioni alle proiezioni e alle mostre. Oltre a guidare la direzione creativa di LensCulture, progetta ed è co-curatrice delle mostre di LensCulture e delle gallerie online. Laura fa inoltre spesso parte del portfolio di recensori. È socia fondatrice del PhotoAlliance, e ha conseguito un Master in fotografia al California College of the Arts. Attualmente vive a Berkeley, California.

Gonzalo
De Benito

Promotore internazionale e referente per gli artisti della galleria fotografica messicana Patricia Conde, confondatore di Kino Tonalá

Leggi di più

Chiudi

Gonzalo de Benito (Spagna, 1989) è un manager culturale e curatore di fotografia e video. Lavora come promotore internazionale e referente per gli artisti della galleria fotografica messicana Patricia Conde, fa parte del team del Festival Internazionale di Videoarte PROYECTOR ed è cofondatore di Kino Tonalá, un progetto curatoriale itinerante con mostre a Città del Messico, Madrid e Barcellona. Collabora inoltre attivamente con la Fondazione Museo del Prado nella promozione della sua collezione di fotografia contemporanea. Gonzalo vive attualmente a Madrid, dove affianca a questo lavoro una ricerca di dottorato presso la Scuola di Scienze Umanistiche dell’Università Carlos III. Il suo interesse e campo di ricerca sono le nuove forme di comunicazione attraverso le immagini che utilizzano la tecnologia e l’ingegneria digitale, così come l’ibridazione tra la fotografia e altre scienze come la chimica e l’architettura.

 

Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *

Possibilities

Cosa e chi siamo stati? Cosa e chi diventeremo? L’esistenza, per essere in grado di procedere in tutta la sua fluidità, ha bisogno di farsi memoria consapevole. Il nostro è un invito spassionato a riferirsi ai sogni, ai desideri, alle speranze, ma anche ai bisogni.

La fotografia riveste ormai un ruolo centrale e chiave nella produzione artistica contemporanea.

È un mezzo che è sempre più spesso scelto dagli artisti come strumento principe delle loro narrazioni. Nelle declinazioni dei suoi diversi generi, essa compare come un linguaggio universale, che si fa racconto dell’attualità, espediente narrativo, mezzo per raccontare il sé e il fuori di sé, occasione per aprirsi alla comunità. I fotografi sono chiamati a dare una loro interpretazione, una loro lettura di un concetto che può essere così ampio da diventare a volte vuoto. La richiesta è quindi di dargli sostanza, di rappresentarlo, di esemplificarlo, di renderlo evidente grazie allo strumento della narrazione per immagini, che supporta da sempre la narrazione del reale.

© Acyle Beydoun

Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *
Il tema 2024 *

Newsha Tavakolian

si aggiudica la prima edizione del Photo Grant di Deloitte 2023

L’artista iraniana si aggiudica la prima edizione del Grant con il suo progetto And They Laughed At Me, focalizzato sui tragici eventi che stanno colpendo le donne e i diritti civili in Iran